Sviluppo Sostenibile, cos’è e perché riguarda tutti

90

In questi anni, molte persone hanno cominciato a sentir parlare di “Sviluppo Sostenibile” su giornali o in televisione, un termine che forse non risulta molto chiaro, ma che tuttavia è di fondamentale importanza per noi e le future generazioni, sotto molteplici aspetti. Spesso tale termine è stato accostato a quello di tutela dell’ambiente o sostenibilità ambientale e infatti, in parte, ambedue i piani tendono a coincidere. Sebbene se ne parli in modo diffuso solo da pochi anni, comunque, lo sviluppo sostenibile è un concetto meno recente.

Per coloro che ne conoscano poco e per saperne di più, cerchiamo di spiegare meglio e comprendere cosa si intenda per sviluppo sostenibile, magari anche connesso alla tutela dell’ambiente. Pertanto cerchiamo di capire cosa sia lo sviluppo sostenibile e per quale ragione rappresenta un concetto ed un obiettivo fondamentale per tutti e da raggiungere o ottenere nel minor tempo possibile ed in modo da intraprendere la strada di uno sviluppo economico virtuoso e permanente nel tempo.

Cos’è lo sviluppo sostenibile

Tanti e diversi potrebbero essere i significati di tale termine, tuttavia in parole semplici rappresenta il vivere e crescere, anche dal punto di vista economico, in maniera equa e dignitosa per tutti, senza sfruttare, prosciugare e quindi compromettere i sistemi naturali fondamentali della terra da cui otteniamo risorse. Il tutto, inoltre, senza danneggiare le possibilità e la crescita, sotto diversi aspetti, delle persone e delle generazioni attuali e soprattutto future sul pianeta.

Si pensi, a titolo di esempio, a tre ampi cerchi (sostenibilità sociale, ambientale ed economica) che si avvicinino e si sovrappongono parzialmente, ottenendo un’area comune. Quest’ultima rappresenta appunto lo sviluppo sostenibile. Se non si dovesse riuscire a raggiungere tale obiettivo, il rischio sarebbe quello di sfruttare il pianeta prosciugandone le risorse e, di conseguenza, il pericolo che tante persone non possano più accedere a tali risorse, perlomeno in maniera dignitosa. Un’ipotesi nefasta e terribile.

In concreto, cosa significa pertanto sviluppo sostenibile? Dal punto di vista ambientale, ad esempio, si potrebbe tradurre in una serie di elementi fondamentali: riciclo dei rifiuti e riuso; fonti di energia rinnovabile; mobilità sostenibile; economia circolare (in pratica, uno sviluppo economico che elimina la maggior parte dei rifiuti e da quelli restanti ottenere nuovi prodotti da utilizzare e quindi nuove risorse per la crescita economica) e, infine, sostenibilità ambientale.

L’impegno dei diversi Paesi e l’agenda ONU

Il percorso utile da effettuare è delineato nella “Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile”, un programma di iniziative per le persone, il pianeta e la prosperità firmato all’ONU dai governi di quasi 200 Paesi del mondo. Tale programma individua ben 17 obiettivi per lo sviluppo sostenibile, definiti Sustainable Development Goals o SDGs. Tali obiettivi si basano su questioni fondamentali per lo sviluppo, tra cui vi troviamo, ad esempio: contrasto al cambiamento climatico, lotta alla povertà ed eliminazione della fame.

Pilastro essenziale di questi obiettivi per lo sviluppo sostenibile è rappresentato dalle cosiddette “5 P”: Persone, Pace, Pianeta, Prosperità e Partnership. Come si può notare e facilmente comprendere, tali SDGs sono degli obiettivi che riguardano non solo tutti noi, come comunità di persone, ed il pianeta, ma anche le future generazioni. Solo una maggiore attenzione all’ambiente e alle sue risorse, potrà consentire anche uno sviluppo economico duraturo e per tutti e una prosperità davvero equa e accessibile.