Giradischi vinili: la storia della musica in un pick-up (puntina) di metallo

90

Il primo disco in vinile ha visto la luce negli Stati Uniti d’America nell’ormai lontano 1948, una vera e propria innovazione rispetto ai dischi in commercio sino a quel momento.

Con un solco di maggiore spessore ma di minore profondità, e grazie alla possibilità di ruotare ad una velocità inferiore, i dischi in vinile hanno permesso di ottenere una maggiore durata di registrazione. Il formato da 33 giri, il primo immesso sul mercato, ha consentito di registrare ben 30 minuti di musica per facciata. Poco meno di un anno più tardi, ecco che sul mercato arriva anche il disco in vinile da 45 giri.

Rispetto ai dischi precedenti, quelli realizzati in vinile sono in possesso di una estrema leggerezza e allo stesso tempo risultano molto resistenti, senza dimenticare poi che il vinile è di semplice reperibilità e anche piuttosto economico.

Con l’avvento di questi innovativi dischi, arrivano sul mercato anche i giradischi vinili che piano piano fanno la loro comparsa in ogni casa, così da consentire alla famiglie di ascoltare la loro musica preferita in ogni momento della giornata. Se ami i vinile e vuoi scegliere un giradischi, continua nella lettura!

Giradischi vinili vintage

giradischi vinili

Sono sempre più numerose le persone che vogliono continuare ad ascoltare la musica tramite i dischi in vinile, oggetti dal sapore vintage che permettono di intraprendere un’esperienza uditiva fuori dal comune. A differenza di quanto accade con altri supporti, il disco in vinile può comportare qualche rumore di fondo, qualche imperfezione, ma sono proprio questi tratti un po’ ruvidi e grezzi a rendere l’esperienza di ascolto più emozionante, intensa, capace di far vibrare le corde dell’anima.

Coloro che vogliono riscoprire tutto il sapore dell’esperienza musicale del passato, dovrebbero prendere in considerazione l’idea di scegliere un giradischi vintage. Si tratta di giradischi che possono essere acquistati presso i mercatini di antiquariato e vintage o nei negozi di oggettistica usata, anche direttamente online ovviamente. Ma attenzione, è molto importante controllare che siano in perfetto stato di manutenzione e che siano ancora funzionanti. Non solo, è importante controllare che la puntina di metallo che montano sia ancora disponibile in commercio, pena il rischio che in caso di rottura o usura non sia più possibile utilizzare il giradischi.

Giradischi vinili moderni

Coloro che invece vogliono scoprire un’esperienza di ascolto migliore, possono optare per un giradischi vinile moderno, di nuova concezione. Questi sono giradischi molto più performanti che permettono di ottenere una nitidezza del suono incredibile, simile, anche se di certo non uguale, a quella che potrebbe essere ottenuta con i CD o con i file musicali multimediali. Questi sono giradischi che possono essere acquistati nei negozi di elettronica e nei negozi specializzati in musica. Il loro costo? Dipende, ne sono disponibili versioni da poco più di 100 euro così come versioni da oltre 1000 euro.

Giradischi vinili per DJ

Se quello che si desidera fare è invece scratchare, è di fondamentale importanza scegliere un giradischi vinile per DJ. Si tratta di giradischi professionali che hanno costi elevati e che spesso sono associati ad una vera e propria console che consente di dare vita ad ogni possibile effetto sonoro. In alcuni casi è possibile che siano presenti due piatti per i dischi, così da consentire anche la realizzazione di mix tra più canzoni.

Giradischi, qualche utile consiglio

Vintage, moderno o per Dj, qualunque sia il modello di giradischi che vuoi far entrare nella tua casa, è bene a nostro avviso scegliere un brand rinomato e di alto livello. Solo in questo modo avrai infatti la certezza assoluta che si tratti di un prodotto che permette di ottenere elevate performance. È bene inoltre accertarsi della robustezza dell’apparecchio, così che possa durare a lungo nel tempo.

Ricorda che i modelli appena usciti sul mercato sono quelli in assoluto migliori, più innovativi e tecnologici, ma possono essere anche i più costosi. Prima di scegliere è sempre bene quindi cercare di capire quale sia il modello più economico a parità di caratteristiche e magari andare anche alla ricerca di qualche recensione online. Leggendo ciò che ne pensano gli esperti del settore e gli audiofili come te che hanno avuto modo di provare proprio quel modello, puoi capire se si tratti davvero della scelta ideale.

Inoltre perché non prendere in considerazione anche la sua resa estetica? Quella che a prima vista potrebbe sembrare come una caratteristica di poco conto, in realtà non lo è affatto. Dopotutto infatti dovrai inserire questo elemento nella tua casa e far sì che si armonizzi alla perfezione con l’arredamento e con ogni altro elemento tecnologico eventualmente presente.

(Visited 8 times, 1 visits today)