segnale wifi distante

L’HDR è probabilmente uno degli argomenti più discusso e dibattuto del mondo degli schermi televisivi. Promette impareggiabili miglioramenti nelle caratteristiche visive, vivacità dei colori e un contrasto  migliore.

La crescente domanda di monitor Pc e tv a schermo piatto HDR ha spinto i produttori a puntare sulla produzione di nuovi modelli.

Che cos’è l’ HDR

HDR è l’acronimo inglese di High Dynamic Range. L’alta gamma dinamica è una tecnologia in grado di presentare un video o una foto con un più alto livello di contrasto tra le parti chiare e quelle scure, il tutto per creare un’immagine molto più realistica.

Detto così non vi dirà molto, ma basta dare un’occhiata alla foto sotto in HDR confrontata ad una “non lavorata” per capire cosa ci aspetta nella pratica. Basta anche vedere il contrasto e la profondità di colore aumentati in una tv HDR di qualità per rendersi conto che ciò rappresenta un enorme balzo in avanti rispetto ad esempio al 4K.

tv-hdr

Come fanno gli schermi per tirar fuori immagini in HDR

L’HDR è fortemente dipendente dalla capacità della retroilluminazione di un pannello di intensificarsi in scene luminose e di attenuarsi o spegnersi completamente in casi di scene buie. I monitor Premium sono stati dotati di una tecnologia simile , rapporto di contrasto dinamico, ma l’unità di retroilluminazione si attenua nel suo insieme, il che influisce principalmente sull’immagine se contiene livelli di luminosità diversi.

A causa delle limitazioni di questa tecnologia e dei suoi effetti sulla qualità del contrasto, è stato necessario sviluppare l’attenuazione locale con un FALD (Full Array Local Dimming) e con retroilluminazione edge-lit. Quest’ultima era molto diffusa nella prima generazione di monitor HDR perché meno costosa, mentre la maggior parte dei televisori che offrono HDR utilizzano già il FALD. L’essenza è che ciascun LED di un array è controllato individualmente, rendendoli responsabili delle rispettive aree dello schermo.

Mentre questo cura la singolarità del dimming globale che è più tipico, ci sono alcuni svantaggi della tecnologia. Oltre a rendere più costoso un particolare prodotto, piccoli oggetti come una lampadina in una struttura o una stella nel cielo notturno non possono beneficiare dell’attenuazione locale. In alcuni punti, gli utenti saranno anche testimoni di una “fioritura” quando due zone adiacenti si alternano che crea un effetto alone.

I televisori UHD con standard HDR

Un gruppo di produttori tv, registi e imprese di tecnologia ha stretto un accordo per definire alcune caratteristiche. E’ nata la certificazione UltraHD Premium che si accompagna a quella True HDR.

Ciò richiede la massima connettività di un display, a partire dalle funzionalità di HDMI 2.0, che è lo standard per TV e console. DisplayPort 1.2 è più comune nei monitor, ma se volete vedere un video HDR sopra i 60Hz e ad alte risoluzioni dovete avere un modello con il nuovo connettore DisplayPort 1.4 .

Questo benchmark stabilisce alcuni obiettivi di base per l’HDR, come la possibilità di visualizzare fino a 1.000 nit di luminosità di picco e una profondità di colore minima di 10 bit (HDR10). I migliori modelli di TV HDR non solo soddisfano questi standard, ma li superano, con il supporto di più di una importante tecnologia HDR. Con l’avanzare della tecnologia, stiamo vedendo i televisori superare gli standard inizialli.

HDR nel mercato dei monitor

bbiamo già iniziato a vedere i monitor HDR, ma al momento non esiste uno standard di definizione diverso da quello dei televisori.

Alcuni monitor promettono DI AVERE UNA compatibilità HDR, ma la sua bassa luminosità di 400cd / m2 ci sta già dicendo che forniscono un “output simulato“. Quindi, secondo noi, il mercato dei monitor HDR è ancora difficile dato che non può offrire uniformità da cui i clienti possono basare le loro decisioni se si immergeranno nella tecnologia o meno.

Se sei disposto ad aspettare che la tecnologia e il mercato maturino, ti assicuriamo che a un certo punto un ente ntrodurrà parametri di certificazione efficaci per i monitor HDR. Una volta impostato un benchmark, gli sviluppatori seguiranno l’esempio e creeranno giochi e applicazioni che aderiranno e massimizzeranno questo insieme di funzionalità. Le console e i veicoli di riproduzione video come Netflix sono completamente pronti per l’HDR, e anche se è deludente che HDR per PC sia in ritardo, siamo fiduciosi che questa nicchia raggiungerà o forse supererà la tecnologia attuale.

Per guardare i programmi HDR, cosa mi serve?

Prima di guardare un programma tv sul televisore, il film viene compresso dalla sua gamma di colori originale per adattarsi al vecchio formato video, eliminando essenzialmente sfumature, contrasto e profondità dell’immagine. In teoria, l’HDR ripristina parte di quel colore e quel contrasto persi, ma richiede la rimasterizzazione dello spettacolo originale – in sostanza c’è bisogno di una nuova versione del film o del programma.
Quindi, per sfruttare appieno l’HDR, è necessario disporre non solo di una TV compatibile ma anche dell’accesso ai contenuti HDR e alla programmazione.

Quale contenuto HDR è disponibile?

Solo una manciata di programmi HDR 4K sono attualmente offerti su servizi di streaming da Netflix, Sky, Vudu e Amazon. YouTube ha anche alcuni programmi compatibili, e alcuni servizi hanno anche alcuni spettacoli HDR Dolby Vision. E, confusamente, Amazon sta promuovendo un formato supportato da Samsung chiamato HDR10 +.

HDR nei giochi per PC

Ci sono due grandi sostenitori del grande mercato dei videogiochi che stanno facendo passi avanti per promuovere i giochi HDR ovvero Nvidia e AMD.

Nvidia G-Sync HDR

Nvidia sta attualmente lavorando su G-Sync HDR che aggiunge compatibilità a un monitor certificato utilizzando un approccio basato su hardware quasi simile a quello stabilito dall’ UHD Alliance per gli standard TV. Questa tecnologia è sviluppata in collaborazione con AU Optronics, che è il principale produttore di pannelli OEM dei monitor .

La visione di Nvidia segue rigorosamente standard noti come l’ampio supporto di gamma di oltre il 125% di sRGB, ora ottenibile grazie alla tecnologia Quantum Dot. Anche se avere un film QDEF non garantisce le capacità HDR, tuttavia, aumenterà i livelli di saturazione e contrasto, ottenendo una resa cromatica adatta a questo scopo.

AMD FreeSync 2

In poche parole, FreeSync 2 implementerà la compatibilità tramite software e programmazione, eliminando la maggior parte del lavoro dal monitor.

Ma il più grande ostacolo qui è il misto di successi e insuccessi dell’attuale supporto HDR nell’ecosistema dei PC. Per uno, Microsoft Windows 10 non ha una funzionalità HDR completa e funzionante, in più non ci sono soluzioni di colore disponibili che possano supportare pienamente i monitor HDR già disponibili. Windows 10 ha ricevuto gli aggiornamenti per la compatibilità HDR, ma non ha risolto tutti i problemi poiché le funzioni erano limitate.

FreeSync 2 ha lo scopo di cambiare questa situazione. Il sistema lo fa aggirando le limitazioni del sistema operativo, dell’hardware e del programma modificando l’intero processo di visualizzazione e utilizzando invece una pipeline ottimizzata. Questo approccio renderà più semplice l’adattamento dei giochi allo standard evitando problemi quali latenza e guadagni limitati delle prestazioni. Ancora una volta, FreeSync 2 sarà più economico da implementare poiché i futuri monitor potrebbero non aver bisogno di moduli di controllo proprietari per il corretto funzionamento dell’HDR.

 

(Visited 55 times, 1 visits today)